Contattaci, anche per le emergenze 0331 40 53 10 Via Legnano, 2 - 20010 San Giorgio su Legnano (MI)
Orari di apertura: Lu - Ve: 9:30 - 13:00 / 14:30 - 19:00

paradontite
Chiamaci per maggior informazioni

Gengiva e osso nel tempo possono ammalarsi e ritirarsi; la parodontopatia (comunemente chiamata piorrea) è la principale patologia in grado di far perdere gli elementi dentari.

Le terapie hanno come principale obiettivo quello di allontanare gli agenti capaci di sviluppare e far progredire la malattia, mentre in alcune situazioni è anche possibile ristabilire i livelli ossei e risolvere le recessioni gengivali.

La parodontopatia è una malattia di origine batterica che provoca la progressiva distruzione dell’apparato di supporto del dente. I batteri rimangono adesi al dente in formazioni visibili ad occhio nudo: la placca ed il tartaro.

Il solco gengivale che circonda il dente diventa sempre più profondo formano le cosiddette “tasche parodontali”, nella cui profondità continuano ad accumularsi e moltiplicarsi i batteri.

Tra i primi sintomi che si avvertono sono il sanguinamento gengivale e l’alitosi anche se la progressione della malattia può avvenire senza soffrire di particolari fastidi.


DIAGNOSI

Per una corretta diagnosi è necessario l’utilizzo della sonda parodontale per valutare la profondità delle tasche associata ad una valutazione radiografica per verificare la distruzione del tessuto osseo.

CURA

La prima fase di cura è sempre la terapia causale cioè quella che ha come finalità la rimozione dei fattori determinanti la parodontopatia (batteri organizzati nella placca e tartaro)
In un secondo tempo in alcuni casi è possibile attraverso tecniche chirurgiche resettive o rigenerative l’eliminazione delle tasche.

TERAPIA MANTENIMENTO

La terapia di mantenimento è un sistema di richiamo a cui il paziente trattato viene sottoposto allo scopo di verificare lo stato della parodontopatia ed eseguire delle sedute di igiene orale professionale per garantire i risultati ottenuti ed evitare reinfezioni e conseguenti recidive.

I VANTAGGI DELL’IGIENE ORALE

PARODONTITE E COMPLICANZE OSTETRICHE

Le malattie parodontali sono associate ad un aumentato rischio di nascita di bambini prematuri e/o sottopeso. Oggi, infatti, sappiamo che alcuni processi infiammatori acuti della madre, anche localizzati lontano dal tratto genito-urinario, possono svolgere un ruolo non secondario nella comparsa di alterazioni patologiche della gravidanza. paradontite e complicanze ostetriche.

PARODONTITE E DIABETE

Il soggetto diabetico ha un rischio maggiore di ammalare di gengivite e di parodontite e la parodontite grave potrebbe influenzare negativamente il controllo glicemico. Tale associazione è così frequente che alcuni ricercatori hanno definito la parodontite come “la sesta complicanza del diabete”.

Recentemente è stato ipotizzato che l’associazione diabete-parodontite sia di tipo bidirezionale e che il controllo dei biofilm orali e dei fattori infiammatori ad essi correlati possa contribuire a migliorare il livello di controllo glicemico.

PARODONTITE E MALATTIE CARDIOVASCOLARI

Studi epidemiologici hanno messo in evidenza una relazione tra parodontite, infarto miocardico ictus e mortalità. La perdita di un elevato numero di denti e la distruzione ossea rilevabile nel paziente affetto da parodontite grave, sono associate infatti ad una aumentata prevalenza di placche ateromatose carotidee.

Nei pazienti con patologie infiammatorie del cavo orale, è stato osservato, inoltre, un aumento del rischio di infarto miocardico e di aterosclerosi. Studi clinici controllati indicano che il trattamento della parodontite migliora la funzione dell’endotelio.